Nulla è come appare...

 

Credo non vi sia nulla di stupefacente nel dover accertare l'esistenza di una nuova condizione umana, presente nelle varie categorie dei cosiddetti "eletti " quei professionisti  dell'usurpazione e dei giochi di magia che per diritto acquisito si sentono collocati  “ un gradino sotto gli Dei “, i quali, non sapendo svolgere altro che le attività per le quali hanno studiato, vista la crisi impellente e in mancanza di impieghi remunerati, avevano la necessità di fare il malloppo per soddisfare i propri bisogni e così decidevano di introdursi di forza in un settore professionale nuovo e remunerativo, denominato “ Consulente tecnico del Tribunale, specialista in infortunistica stradale forense".

Pur non avendo alcuna conoscenza specifica, provano a fare i consulenti di infortunistica stradale, qualche amico compiacente ha spiegato loro che è un lavoro facile facile, impegna poco, basta leggere i documenti di causa, si capisce subito chi ha torto e chi ha ragione, se poi qualcuno paventasse l'ipotesi che il sinistro sia un farlocco, l'eletto riuscirà ad esprimere ai massimi livelli il sacro fuoco dell'impegno morale, la necessità e la ricerca della Verità, del far trionfare la Giustizia, entrerà a piè pari in un campo spianato, senza impegnarsi  nell’intellettuale, libero da impegni gravosi e da responsabilità personali.

Questi Eletti dagli Dei, intrufolati nell'ambiente grazie alle raccomandazioni - che non mancano mai -, si intrufolano presso i Giudici, spiegano loro la grande novità, ci sono delle barriere ideologiche da infrangere, si devono spezzare le catene della preservazione del potere, rompere la monotonia di dover sempre soggiacere alla nomina dei soliti consulenti, ormai vecchi e superati.

I nuovi Unti dall'Olio Santo, che non sono stati istruiti per fare i consulenti tecnici di infortunistica, spiegano ai rappresentanti della Giustizia quali azioni si devono compiere per rompere il muro di acquiescenza creato dai soliti noti, fare piazza pulita dei soliti postulanti, ripulire l'aria. 

Ed ecco che allora gli ultimi arrivati, che si iscrivono nell’Albo dei Periti Ricostruttori di Incidenti Stradali ed Esperti in sicurezza normativa e stradale, i soliti esperti costruttori degli impianti idraulici, architetti senza uno metro cubo di cantiere aperto, finti geometri che non sanno disegnare neppure una planimetria, esperti di idraulica, di meteorologia, di acustica, di impiantistica elettrica, di apparecchiature elettroniche, di archeologia, che non sanno nulla, non si sono mai sporcati le mani sul campo neppure per sollevare l'astina per controllare se c’è dell’olio nel motore della propria macchina, non sono mai entrati in una carrozzeria se non per consegnare la propria vettura al carrozziere affinché provvedesse alla riparazione, tutta gente che non ha alcuna passione per la professione, e che ad ogni piè sospinto, sollecitati dall'opinione giornalistica e dalle società assicuratrici pretenziose di estirpare per sempre la disonestà delle bande organizzate di truffatori, diventano improvvisati investigatori  votati alla ricerca di quantità industriali di incidenti fasulli, salgono sul pulpito, decidono quali incidenti debbono essere considerati fraudolenti, li ricostruiscono a loro piacimento, elargiscono “ ipotesi – considerazioni – presunte irregolarità e incompatibilità”, sbeffeggiano gli estensori delle denunce, mettono in dubbio ogni cosa, le fotografie taroccate, le misure eseguite dai verbalizzanti sul campo del sinistro, le dichiarazioni testimoniali, decretano la sacrosanta sentenza  di incompatibilità, sconvolgono gli equilibri psichici del poveri malcapitati che hanno avuto la sfortuna di avere un incidente stradale autentico e la dannata  sfortuna di ritrovarsi ad essere giudicato da un incompetente laureato, subire l'onta e l'umiliazione di essere considerato un truffatore, perdere la causa, essere condannato ad esborsare fior di quattrini e implorare la Divina Giustizia affinché lo preservi da una denuncia per truffa ai danni della propria assicurazione.

_______________________________________________________________________________

La migliore astuzia è dire sempre la Verità, tanto nessuno ti crederà.

_______________________________________________________________________________                                                ( anonimo illuso )